Qualche giorno fa l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato il provvedimento che definisce le modalità con cui le compagnie telefoniche dovranno d'ora in avanti comunicare e pubblicizzare le specifiche delle offerte internet casa con fibra ottica.

In conformità con la Legge n. 148 del 16 ottobre 2017, i provider che erogano servizi di rete in fibra potranno utilizzare la nozione "fibra ottica" nei messaggi pubblicitari, nelle comunicazioni commerciali e contrattuali solo in casi specifici.

Definizione fibra ottica AGCOM

In particolare, gli operatori di telefonia fissa possono impiegare il termine "fibra" senza ulteriori precisazioni tecniche solo se l'infrastruttura della fibra ottica arriva all'edificio (FTTB) oppure fino alla singola unità immobiliare dell'utente (FTTH).

Le compagnie telefoniche saranno invece tenute ad utilizzare i termini "rete mista rame" o "rete mista radio" quando l'infrastruttura della fibra ottica arriva all'armadio stradale (FTTC) o alla stazione radio base (FTWA).

Differenza tra fibra FTTH, FTTB ed FTTC

  • FTTH – Fiber To The Home: la "fibra fino a casa" prevede che l'intera tratta dalla centrale all'abitazione dell'utente sia in fibra ottica. Questa tecnologia permette di ottenere il massimo delle performance.
  • FTTB – Fiber To The Building: anche detta Fiber To The Basement, la "fibra fino all'edificio" prevede che ci sia il collegamento in fibra ottica dalla centrale fino al limite del palazzo (ad esempio fino allo scantinato o al garage) mentre il collegamento finale fino all'appartamento è su filo in rame.
  • FTTC – Fiber To The Cabinet: chiamata anche Fiber To The Street (FTTS), si ha quando il collegamento in fibra parte dalla centrale fino alla cabina stradale generalmente situate a circa 300 metri dal condominio. Come per la FTTB, anche per l'FTTC il collegamento terminale fino alla singola unità immobiliare è via cavo in rame.
  • FWA – Fixed Wireless Access: rientrano in questa tecnologia tutte le infrastrutture di rete che sfruttano le onde radio per fornire il servizio di rete internet fissa come ad esempio la connessione internet satellitare o Wimax.

DA LEGGERE: AGCOM: Rimborso fatturazione 28 giorni entro entro fine 2018

AGCOM: ad ogni tipo di connessione un simbolo specifico e chiaro

La delibera AGCOM fissa inoltre una precisa simbologia da utilizzare in relazione alla fibra ottica nei messaggi pubblicitari e nelle comunicazioni commerciali. Lo scopo è quello di aiutare gli utenti ad identificare in modo più immediato il tipo di infrastruttura di rete previsto dall'offerta internet casa:

  • FTTH ed FTTB con denominazione "F" sottotitolata "fibra" e di colore verde;
  • FTTC ed FWA con denominazione "FR" sottotitolata "fibra mista rame" o "fibra mista radio" e di colore giallo;
  • ADSL (e più in generale tutte le tecnologie che non impiegano la fibra ottica) con denominazione "R" sottotitolata "rame" o "radio" e di colore rosso.

L'utilizzo di questi simboli sarà avviato in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018.