Una delle peculiarità delle case degli italiani è sicuramente la rete internet: anni fa non si parlava di ADSL o 4G, ci si connetteva tramite un cavo alla presa del telefono che diventava inutilizzabile. Con lo sviluppo della tecnologia wireless, e l'avvento delle varie offerte ADSL, le abitudini delle famiglie sono cambiate, così cambiate che persino l'ADSL potrebbe lasciare il posto all'Internet mobile 4G, che in alcuni casi potrebbe convenire e offrire soluzioni più vantaggiose di ADSL o fibra ottica.

ADSL o 4G: cosa offre il 4G?

Se fino a poco tempo fa i cellulari o, in questo caso, le chiavette Internet, potevano beneficiare solamente di tecnologia 3G, da qualche tempo la velocità massima è di gran lunga aumentata con il 4G e con il 4G Plus o LTE Advanced: gli speed test sottolineano che si può raggiungere una velocità doppia della fibra ottica dei maggiori operatori.

Proprio per questo motivo principale, e perché gli operatori ne hanno diffuso sempre di più a copertura, le famiglie abbracciano la rete 4G abbandonando in toto a rete fissa, sostituendo il telefono con le numerose possibilità offerte dai sistemi Voip o dagli smartphone, e utilizzando come "modem" la chiavetta 4G.

DA LEGGERE: Telefono fisso in via d'estinzione

ADSL o 4G: la quantità di traffico

Ma se c'è una grande copertura, una velocità superiore addirittura alla fibra ottica, perché c'è chi usa ancora l'ADSL? La cosa principale che impedisce questa diffusione capillare è la quantità di traffico dati: la disponibilità di Giga per collegarsi a Internet non è mai illimitata, per questo le offerte di ADSL e fibra ottica vanno ancora per la maggiore rispetto al 4G.

Chi utilizza Internet a casa per lavorare, ascoltare musica, guardare film, utilizzare lo streaming 4K di Netflix, rischia di consumare il traffico dati in breve tempo e quindi preferisce affidarsi alla cara e affidabile ADSL, utilizzando la chiavetta Internet principalmente sui mezzi pubblici o nelle situazioni in cui non c'è disponibilità di wi-fi.

Un ulteriore difetto dei dispositivi 4G è sicuramente la saturazione: se si trovassero troppi dispositivi nella stessa rete, e fossero agganciati alla stessa cella, le prestazioni comporterebbero un deterioramento. Per ora la situazione è questa, anche se gli operatori si stanno impegnando a risolvere il problema e, in alcuni casi, la soluzione è già alla portata di mano.

ADSL o 4G: cosa scegliere, infine?

Non c'è, come avrete capito, una risposta definitiva: tutto varia a seconda del proprio budget, ma, soprattutto, dall'utilizzo che si fa di Internet. Con un uso da parte di tutta la famiglia 24h su 24 sicuramente conviene l'ADSL, se invece lo si usa solo per 5 minuti la sera, perché lo si usa per 9 ore al lavoro, allora può bastare il 4G: a voi la vostra scelta.