Cambiare gestore telefonico è una procedura che spaventa molte persone. Se anche tu non sei soddisfatto al 100% del tuo contratto, ma hai paura che le pratiche per il cambio di operatore siano troppo lunghe e complesse, questa guida ti spiegherà passo passo come risolvere il problema. La primissima cosa che devi fare, però, è porre le offerte di telefonia fissa o le offerte adsl a confronto per capire se effettivamente un operatore diverso da quello che hai già potrebbe offrirti soluzioni più vantaggiose.

Se hai poco tempo, ricordati che puoi usare il nostro comparatore gratuito per informarti su Vodafone Casa, Fastweb, Telecom e tutti gli altri operatori in pochi click. Ti basterà infatti inserire i tuoi parametri di consumo e il sistema ti presenterà in automatico una selezione delle offerte migliori in base al tuo profilo.

Cambiare gestore di telefonia fissa

Cambiare operatore di telefonia fissa è piuttosto semplice. Ecco come devi procedere:

1. Contatta il nuovo operatore presso il quale vorresti trasferire la tua utenza, e comunicagli la volontà di effettuare il passaggio di gestore mantenendo il tuo numero. Il contatto può avvenire sia per telefono (in questo caso devi accettare la registrazione della chiamata) o via web, seguendo la procedura guidata sul sito dell'operatore.

LEGGI ANCHE: Come presentare un reclamo all'operatore telefonico?

2. Comunicagli il codice di migrazione, ovvero un codice alfanumerico di circa 7-18 caratteri che identifica in modo univoco la tua utenza. Lo puoi trovare in tutte le bollette del telefono, di qualunque operatore. In mancanza di questo codice non potrai attivare una nuova linea.

3. Compila e firma i moduli che ti arriveranno per posta se la comunicazione di cambio gestore è avvenuta per telefono, o che avrai scaricato dal sito internet dell'operatore.

4. Spedisci la documentazione al nuovo gestore tramite fax o raccomandata (per le istruzioni precise ricordati sempre di verificare sul sito dell'operatore verso cui vuoi effettuare il passaggio).

5. Non devi comunicare nulla al tuo vecchio gestore, poiché sarà l'operatore che prenderà in carico la tua utenza ad occuparsi di tutto.

Cambiare operatore telefonico: quanto tempo occorre?

I tempi necessari per il passaggio sono stabiliti dalla Legge: entro 10 giorni lavorativi dalla richiesta la nuova linea deve essere attiva e perfettamente funzionante. Il vecchio gestore telefonico, inoltre, non può mai chiederti un preavviso superiore ai 30 giorni per la cessazione del servizio.

Quanto costa cambiare operatore telefonico?

Sebbene rispetto a qualche anno fa la procedura per il cambio di operatore sia meno costosa, non è comunque gratuita. Il vecchio gestore ti chiederà infatti dei costi di disattivazione che al momento oscillano tra i 30 e i 100€.

Oltre a questi costi non è prevista alcuna penale, eccezion fatta per il caso in cui, una volta disdetto il tuo abbonamento, non restituisci entro 15 giorni al vecchio gestore le apparecchiature che questi ti aveva fornito in comodato d'uso (modem, telefoni).

Infine, ti ricordiamo che a seconda della promozione che avevi sottoscritto con il vecchio gestore potrebbero esserci altri costi. Se ad esempio il contratto prevedeva l'attivazione gratuita dell'offerta, ma con il vincolo di mantenerla per 24 mesi, se sceglie di interrompere il contratto prima dei due anni previsti il tuo gestore ti chiederà di pagare anche le spese di attivazione che non avevi versato all'inizio.