La parola “router” si traduce in italiano con il termine “instradatore” o anche “strada, percorso”. Questi termini forniscono già delle informazioni essenziali sulle finalità di questo dispositivo che può variare per prezzo, capacità e dimensioni. Il suo scopo è quello di dividere la connessione alla rete Internet tra più computer, quindi se in un ufficio ci sono vari computer il router permetterà di differenziare la connessione. Coloro che non hanno particolari esigenze di accesso al web potranno invece ricorrere ad altri metodi, valutando le diverse proposte del mercato. In questi casi mettere le offerte ADSL proposte dalle varie compagnie telefoniche a confronto, consentirà di individuare delle soluzioni adatte alle proprie esigenze e in linea con le proprie esigenze.

Ogni compagnia telefonica differenzia le sue offerte in soluzioni “business”, ovvero per le esigenze delle imprese, e soluzioni per le famiglie e i singoli utenti. Informandosi su Telecom e le sue offerte, o su Fastweb o ancora su Infostrada e tutti gli operatori del settore, sarà quindi possibile individuare rapidamente la formula più adatta alle proprie esigenze e scoprire anche interessanti sconti sui prezzi.

Leggi anche: Internet, Italia al 54 posto mondiale per velocità

Quali router offre il mercato?

Per navigare in rete velocemente e senza problemi occorre quindi dotarsi di una buona connessione ed un buon router, che di differenziano in varie categorie. Tra i più diffusi:

il modem router wireless, in grado di connettersi a Internet tramite il cavo telefonico e di distribuire il collegamento a vari dispositivi in modalità wireless, ovvero senza fili;

i router “puri” che non dispongono delle funzioni di modem ma possono solo ridistribuire la rete fra più dispositivi che hanno però bisogno di essere collegati ad un modem per connettersi alla rete. Possono essere wireless o via cavo;

ed infine ci sono anche i Range Extender, definiti anche repeater wireless, esteticamente simili a dei router/modem ma utili solo ad estendere il raggio d’azione di una rete wireless già esistente.

Come installarlo

Per configurare il router bisogna come prima cosa collegarlo alla presa elettrica, alla linea telefonica e al pc. Fatto questo occorre avviare il tuo browser prescelto sul PC (es. Chrome o Internet Explorer) e collegarsi all’indirizzo 192.168.1.1 oppure all’indirizzo 192.168.0.1 per accedere al pannello di configurazione del router. Dopo bisognerà accedere al pannello di controllo del router e inserire le credenziali di accesso che daranno il via al processo automatico di configurazione.

Il processo per configurare un router è di solito semplice ed immediato, talvolta può richiedere di impostare una nuova password di accesso oltre a tutti i parametri relativi alla propria connessione. Nel caso di moderni router Wi-Fi è richiesto di configurare la chiave di protezione per la rete senza fili. Una volta completata la procedura di configurazione base ed aver stabilito una connessione Internet, è possibile passare alla fase più avanzata per gestire le funzioni relative alla sicurezza.

Come aumentare la sicurezza e la protezione

In questo caso occorre accedere alla sezione “Sicurezza e Manutenzione” e compilare il modulo per cambiare nome utente e password di accesso al pannello del router. Anche in questo caso sarebbe meglio evitare di usare dei dati facilmente identificabili.