Prende il via anche in Italia il programma di sviluppo delle reti 4G che presto potranno raggiungere i 300 Megabit. Per adesso il grado di sviluppo sul territorio italiano è ancora molto frammentato e la possibilità di accedere ad una connessione super veloce varia in base all'operatore di telefonia preso in considerazione. In attesa che le reti 4G diventino un servizio accessibile a tutti si potrà continuare ad usufruire dei buoni servizi e delle infrastrutture al momento disponibili, valutando le offerte delle varie compagnie. In questo caso mettere le offerte per l'adsl presenti sul mercato a confronto potrà essere un ottimo modo per scegliere la soluzione più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

Le alternative presenti sul mercato sono davvero tante e fare la giusta scelta potrebbe risultare non semplice. In questi casi informandosi su Telecom e le sue offerte, o su Vodafone Casa, oppure su Tele Tu e gli altri operatori del mercato potrebbe essere un buon modo per valutare nuove soluzioni in grado di soddisfare le proprie esigenze e garantire allo stesso tempo un buon margine di risparmio.

Reti 4G: un progetto europeo

Migliorare la connessione internet con le reti 4G e garantire la progressiva copertura del territorio rappresentano alcune delle priorità stabilite dall'Agenda Digitale, il programma d'interventi presentato dalla Commissione Europea. Il grado di attuazione del programma varia in base alle condizioni di partenza di ogni singolo Paese europeo. Tra i Paesi più avanzati al momento rientrano l'Italia, la Francia, la Germania, la Spagna e il Regno Unito che tuttavia non raggiungono il livello della Scandinavia, considerato senza dubbio il Paese più evoluto per la qualità dei servizi internet offerti.

La situazione italiana

Decisamente positiva appare comunque la situazione italiana. Secondo lo studio Tefficient, la copertura nazionale avrebbe subito un'enorme crescita proprio nel corso dell'ultimo anno. Infatti, analizzando i dati trasmessi dai singoli operatori e riferiti all'andamento dello scorso anno ci sarebbe stata una forte crescita dei servizi per il 4G, che vendono oggi al primo posto Vodafone, con una copertura su 4.200 comuni con il 4G e 300 con il 4G+ (tecnicamente è Lte Advanced) a 225 Mbps. "La rete è già pronta per i 300 Megabit, ma aspettiamo che ci siano più terminali compatibili, verso fine 2015", chiariscono i rappresentanti di Vodafone.

Al momento Telecom garantisce all'80% della popolazione la copertura del 4G, in circa 3.630 comuni mentre già 117 comuni hanno il 4G+ a 225 Mbps. Seguono dopo 3 Italia e Wind, che garantiscono i loro servizi al 40% della popolazione, dichiarandosi già pronte ad estendere ulteriormente i loro servizi entro il 2016. Wind ad esempio ha recentemente annunciato che entro il 2016 lancerà il servizio 4G+, ampliando così la sua offerta che al momento può già offrire i 150 Megabit sulla propria copertura 4G, invece dei più comuni 100 Megabit.

I nuovi obiettivi

L'espansione della rete 4G e la creazione di servizi per la navigazione sempre più affidabili hanno subito una forte crescita nel corso degli ultimi anni, grazie soprattutto ai finanziamenti europei. La priorità per tutte le compagnie è proseguire in questo percorso di crescita e raggiungere entro i prossimi sei mesi la Banda L, ovvero i 1452-1479.5 MHz, in modo da potenziare la velocità di download del 4G. Tra gli altri obiettivi fissati dalla Commissione europea ci sarebbe anche quello di raggiungere i 700 MHz tra il 2018 e il 2020, come già avvenuto da tempo negli Stati Uniti.