WhatsApp contro gli SMS classici. Che è un po' come dire presente contro passato. È questa l'evidenza più importante messa in luce dal The Economist, che ha evidenziato come il settore della messaggistica istantanea abbia acquisito, specie nell'ultimo periodo, dinamiche sempre più social e interconnesse con la rete web. Chiunque possiede la possibilità di accedere a internet, per casa basta porre le diverse ADSL presenti sul mercato a confronto per selezionare la più adatta, sullo smartphone il 4G garantisce prestazioni sempre più efficaci. La comunicazione è sempre meno bidirezionale e sempre più concepita come un dialogo tra molti. Esattamente come la rete stessa.

WhatsApp leader del settore

Il tempo dedicato a informarsi su Fastweb e i suoi prodotti o su quelli di Telecom, di Alice e delle altre compagnie dà immediato riscontro in termini di risparmio e di prestazioni. Le infrastrutture web hanno raggiunto un'implementazione sempre più performativa. Il pubblico ha fatto suoi i nuovi dettami della comunicazione globale, l'esperienza è tale se condivisa, in tempo reale e con chiunque. I flussi, gli scambi e i confronti compiono il loro esodo verso internet.

WhatsApp si prende la leadership. Oltre 3 miliardi di utenti comunicano tramite le 10 principali piattaforme di messaggistica online. Il servizio di Zuckerberg è al primo posto per numero di utenti – 700 milioni al mondo – e per traffico generato – circa 7 trilioni di messaggi in un anno, 1000 per utente. Seguono, nella speciale graduatoria, Facebook Messenger e WeChat, con circa 400 milioni di utenti.

WhatsApp genera una mole di messaggi stratosferica, pari a 30 miliardi di messaggi giornalieri inviati in tutto il mondo. Gli SMS tradizionali inviati in modalità offline si fermano a quota 20 miliardi, ben 10 in meno rispetto al colosso del gruppo Facebook, acquisito nel febbraio del 2014 per una cifra intorno ai 19 miliardi di euro.

Le tempistiche del sorpasso

Secondo quanto pubblicato dal The Economist, il sorpasso di WhatsApp ai danni delle piattaforme tradizionali di messaggistica è avvenuto durante i primi mesi del 2015, completando un inseguimento iniziato nel 2009, quando il neonato servizio per mobile venne lanciato sul mercato, e in poche settimane ha distanziato i rivali della versione offline.

Il riscontro di apprezzamenti e di pubblico segnato da WhatsApp sembra destinato ad avere un seguito ancora più significativo nei mesi a seguire, grazie a nuove implementazioni del servizio. Ora, infatti, l'app di messaggistica consente anche di effettuare chiamate ai propri contatti, senza alcun costo né limiti di tempo.