Google potrebbe presto fare il suo debutto nel mercato fornendo nuovi servizi internet per la telefonia mobile. La notizia è stata data solo qualche giorno fa ma ha già sparso il panico tra gli altri operatori già indaffarati a trovare qualche rimedio per fronteggiare le inevitabili conseguenze del debutto. Il mercato italiano può considerarsi per il momento al sicuro e anche per i clienti la scelta dell'operatore non includerà la valutazione di nuovi soggetti. Per il settore della navigazione, si continuerà quindi a mettere le offerte di ADSL presenti sul mercato a confronto per individuare la formula più vantaggiosa.

A tal proposito è utile ricordare che il mercato italiano propone delle offerte all-inclusive, in grado di conciliare l'esigenze della telefonia mobile e con quelle della telefonia fissa. Chiunque fosse interessato potrà contattare il proprio operatore e ad esempio informarsi su Vodafone Casa o Telecom o valutare ancora le altre opportunità proposte dal mercato.

Cosa succederà dopo l'ingresso di Google nel modo della telefonia?

Il principale obiettivo di Google è quello di una copertura totale per i servizi di navigazione, coprire cioè l'intera filiera. Contenuti, servizi e hardware saranno tutti rigorosamente marchiati Google, offrendo il grande vantaggio di ridurre notevolmente i costi, fino quasi ad abbatterli. Un progetto molto ambizioso e dai costi decisamente elevati che richiederà, almeno inizialmente, l'uso di infrastrutture già esistenti. Questo richiederà l'avvio immediato di trattative con gli altri operatori di telefonia e le previsioni sembrano protendere verso Sprint e T-Mobile.

Il progetto del colosso di Mountain View non si ferma qui. Google avrebbe già firmato un accordo, dai costi elevatissimi, per entrare nel progetto Space-X. L'idea sarebbe quella di garantire la copertura mondiale dei servizi di navigazione internet grazie all'impiego di satelliti. Una scelta che consentirebbe di migliorare la qualità della connessione e le procedure di accesso e di controllo dei servizi su piattaforma Android.

Le conseguenze per il mercato della telefonia mobile e per i consumatori

L'equilibrio del mercato, prima statunitense e poi mondiale, sarà messo di certo a dura prova. Il marchio del resto gode già della stima di moltissimi consumatori che non tarderanno a lasciare i vecchi operatori per migrare verso Google, attratti dall'efficienza dei servizi e dal forte ridimensionamento delle spese. I soli rumors in Italia hanno suscitato un fortissimo interesse tra il pubblico.

Anche in questo caso i vantaggi sarebbero enormi. Migliorerebbe la velocità di connessione e la qualità dei servizi Wi-Fi che farebbero riferimento a nuove frequenze non ancora in uso. Per ora nulla di certo, solo indiscrezioni ma in molti pensano che l'avvento di Google nella telefonia mobile non passerà di certo inosservato.