Scegliere la giusta tariffa di telefonia è indispensabile per risparmiare, evitare sprechi e comunicare agevolmente con i nostri contatti. Prima di sottoscrivere un contratto è bene sapere che l'offerta migliore è quella che maggiormente si adatta alle nostre esigenze personali così come alle nostre abitudini e stili di vita. Al contempo è bene guardare anche agli standard qualitativi della compagnia telefonica prescelta, per farlo possiamo confrontare le migliori offerte ADSL e telefono al fine di trovare velocemente il prodotto ideale per noi.

Nel momento in cui valutiamo un'offerta di telefonia possiamo confrontare le offerte TeleTu, Infostrada e Telecom valutando i servizi più richiesti come minuti, velocità della connessione Internet wireless e costi di abbonamento e gestione. Proprio per garantire ai consumatori italiani standard qualitativi in linea con la media europea, l'attuale Governo sta lavorando ad un programma in merito alle infrastrutture per la comunicazione al fine di potenziare banda larga e reti 4G.

Il piano "Banda ultra larga 2014-2020" mira ad attenuare il digital divide tra il nostro Paese e l'Ue, spesso infatti gli operatori telefonici non hanno investito uniformemente sul territorio e gli investimenti pubblici si sono rivelati insufficienti a sanare la situazione.

LEGGI ANCHE: Banda larga: Telecom pronta a collaborare con Enel

Il Piano è affidato al sottosegretario della Presidenza del Consiglio Gaetano Delrio e sarà valutato dalla Commissione europea entro questo mese. Tra gli obiettivi principali troviamo: aumentare l'accesso alla banda larga portando i 100 Megabit al 50% della popolazione e i 30 Megabit al 100% entro il 2020. In questo modo potremo allinearci con i dettami dell'Agenda digitale europea. Attualmente ci troviamo intorno al 20% a fronte di una media europea che supera il 50%.

Il piano punta a migliorare l'offerta delle reti mobile attraverso ill potenziamento della tecnologia 4G. Si lavorerà al fine di rendere più potenti le antenne per la telefonia mobile e per mezzo della fibra ottica e l'istallazione di punti Hot Spot wireless nelle aree urbane accessibili al pubblico.

Il piano del Governo prevede una spesa di 7 miliardi di euro che potrebbero arrivare dai fondi agricoli (Feasr) e di sviluppo regionale (Fesr).

Nell'ultima settimana, inoltre, anche Vodafone ha avviato una rete per la connessione Internet veloce in fibra ottica e Fastweb ha annunciato l'estensione della propria.