Molte famiglie si chiedono quali sono le tariffe per il telefono fisso più economiche oppure le offerte adsl più convenienti per avere una connessione ad internet veloce ed economica. Ben 2,65 milioni di italiani, però, non hanno accesso a nessun tipo di rete fissa o mobile a causa della mancanza di infrastrutture. Le regioni più isolate dal digital divide sono Molise, Calabria e Basilicata, ma neanche le altre regioni possono sorridere perché la velocità media di una adsl nello Stivale è di soli 4,9 Mega al secondo.

La soluzione è confrontare le offerte di adsl più convenienti sul mercato fra le tariffe di Vodafone o Telecom Italia; in alternativa, invece, si può puntare sulla fibra ottica di Fastweb oppure sui servizi WiMAX come ad esempio per i prodotti di Linkem. Il mercato del settore per la connessione internet è quindi vario e diversificato, ma il futuro è rappresentato principalmente dalla tecnologia satellitare come quella di Toomway che opera in collegamento con il satellite Eutelsat KA-SAT.

L'Italia ha bisogno di forti investimenti sulla banda larga e per raggiungere gli obiettivi fissati dal Piano Ue Horizon 2020 occorre una strategia strutturata. Entro sei anni, in sostanza, bisogna dotare il 50% delle abitazioni di una connessione ad internet ultraveloce e "l'unica tecnologia che lo permette - secondo Renato Farina, amministratore delegato di Eutelsat Italia - è il satellite, con performance comparabile con l'Adsl e investimenti minimi per realizzare le infrastrutture di rete".

Toomway, grazie al collegamento col satellite Eutelsat KA-SAT, consente agli utenti di connettersi in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento sia tramite dispositivi fissi sia tramite dispositivi mobili. La velocità di download può raggiungere fino a 20 Mega al secondo e la velocità di upload fino a 6 Mbps. Il satellite può cancellare il digital divide che in Italia pesa soprattutto al sud e incide su crescita economica e sviluppo.

"L'Ue ha un approccio tecnologicamente neutro - ha detto il Commissario Ue alla Digital Agenda, Neelie Kroes - ma per chi vive nelle zone più remote, il satellite rappresenta una buona soluzione per collegarsi a internet e probabilmente continuerà a essere così anche in futuro".