La connessione ad internet è sicuramente un vantaggio notevole per i consumatori: è infatti uno strumento potentissimo per informarsi e ampliare le proprie conoscenze, senza ovviamente dimenticare il divertimento. È per questo che gli operatori offrono le tariffe adsl più vantaggiose, consapevoli delle esigenze di un pubblico ormai sempre più informatizzato.

I consumatori, quindi, hanno imparato ad approfittare della concorrenza dei diversi operatori mettendo le offerte di Fastweb a confronto con quelli di Vodafone Casa, Telecom Italia, Tiscali e così via. Ma se ottenere una connessione ad internet è ormai semplice, non dobbiamo dimenticare che le rete nasconde anche delle insidie, che è bene conoscere prima di esplorarla.

In particolare, internet si dimostra un territorio particolarmente fertile per reati come il furto dei dati personali: la compagnia veronese D.A.S., del gruppo Generali, ha realizzato su questo tema un sondaggio che mostra come il 22,3% degli italiani dichiara di essere stato vittima di un reato informatico.

Il 13,3% degli intervistati, infatti, ha affermato di aver subito una violazione del proprio account di posta elettronica oppure del proprio profilo personale su un social network. Ma il dato più rilevante è che ben il 70% si sente "in pericolo" e avverte il rischio di una violazione dei propri dati come una minaccia costante.

Il 44% degli intervistati, infatti, dichiara di temere per la sicurezza dei propri dati finanziari e che questi vengano usati per effettuare acquisti online a propria insaputa. Il 38%, invece, teme che i propri dati bancari siano rubati per poi compiere delle frodi. Il 35% del campione, poi, si dichiara preoccupato per la sicurezza del proprio conto corrente online.

Il sondaggio è stato realizzato per capire quali sono le maggiori preoccupazioni dei consumatori in vista dell'introduzione sul mercato della prima assicurazione che offre tutela legale in caso di furti sul web: "Per costruire un prodotto completo, che rispondesse veramente alle esigenze degli utenti del web abbiamo condotto un'indagine a livello nazionale che ci ha confermato la diffusione di questi fenomeni e la forte esigenza di tutela da parte dei consumatori", dichiara infatti Marco Rossi, direttore commerciale e marketing di D.A.S.

Per rispondere a queste esigenze, continua Rossi, "abbiamo creato 'Difesa Web', in risposta alle due principali esigenze espresse dal mercato: da un lato l'aspetto di prevenzione e monitoraggio dei propri dati, dall'altro il supporto legale necessario in caso di violazione degli stessi o di furto d'identità".