La connessione a internet anche attraverso device mobili è sempre più amata dai navigatori del terzo millennio: si tratta di apparecchi, siano essi iPad o prodotti Samsung, utilizzati anche sul divano di casa, dove chi sceglie di trovare l'offerta per internet adsl migliore lo fa per utilizzare il tablet e non più molto il pc.

Allora ecco che alla nuova "regola digitale" si adeguano sempre più spesso consumatori di ogni fascia d'età, che si avvicinano agli schermi di ultima generazione e sfruttano così le proposte di connessione a internet presenti tra i prodotti di Fastweb, di Telecom Italia, di Vodafone Casa e così via.

Ad approfittare della comodità degli schermi dei tablet sono poi sempre più anche consigli di amministrazione di grandi aziende e persino i Consigli dei Ministri dei vari Paesi del mondo, che per le riunioni cruciali per i loro cittadini si avvalgono di tali apparecchi.

Un caso che sta facendo senza dubbio fischiare le orecchie alla Mela di Cupertino è quello della Russia, che ha deciso di sostituire gli iPad acquistati per permettere ai ministri di visualizzare dati e report, prendere appunti, e aggiornarsi in tempo reale con i tablet dell'azienda sudcoreana Samsung.

A dare l'annuncio, il ministro delle comunicazioni Nikolai Nikiforov, che ha parlato di una maggior garanzia di sicurezza offerta dai tablet della Samsung: per Nikiforov infatti "sono apparecchi protetti in modo particolare, che si possono utilizzare per lavorare su informazioni confidenziali".

Dal momento che oggetto delle discussioni all'interno del Consiglio dei Ministri sono appunto dei dati e delle notizie confidenziali, è essenziale che si utilizzino dei supporti in grado di fornire maggiori garanzie ai politici: certo, tale preferenza, come precisa lo stesso ministro delle comunicazioni Nikiforov, non implicherà alcuna sanzione verso iPad e altri prodotti dell'americana Apple, che potrà senza problemi continuare ad essere utilizzata da chiunque la preferisca. Rumors, peraltro, sostengono che uno dei maggiori estimatori dell'iPad fosse proprio il premier Dmitri Medvedev.

Dal canto suo, il ministro Nikiforov ha chiesto ai suoi collaboratori di prestare molta attenzione ai brand che saranno scelti per servizi pubblici di vario genere, dal momento che "le informazioni pubblicate dai media sul fatto che i servizi segreti americani vogliono aumentare sensibilmente il volume dei dati intercettati suscita, naturalmente, una seria inquietudine nei responsabili delle commesse pubbliche".