I consumi telefonici fanno parte di tutte quelle utenze ormai indispensabili per i consumatori e per poter risparmiare non basta solo ottimizzare i consumi e diminuirli, ma scegliere delle tariffe che rispecchino il nostro profilo economico e di consumo. Aderire all'offerta di Telecom Italia piuttosto che a quella di Fastweb, infatti, è indifferente purché si seguano criteri personali di scelta.

Sicuramente la prima cosa da fare per far sì che la nostra scelta sia adeguata ai nostri consumi, è capire che tipo di consumatori siamo e che bisogni abbiamo circa l'uso del telefono e di internet. Il passo successivo è quello di confrontare le offerte di telefonia più convenienti in relazione a questi bisogni.

Come fare a capire di cosa abbiamo bisogno? Cominciamo stimando il consumo giornaliero che facciamo del telefono (quante telefonate? A numeri fissi o ai cellulari?) e di internet (quante volte mi collego al giorno? Uso molto il collegamento alla rete?).

Quando sentiamo parlare di tariffe illimitate, per esempio, è bene chiedersi se convengano davvero prima di accettarle: queste tariffe permettono, nella maggior parte dei casi, di pagare in un'unica soluzione il traffico di chiamate e il traffico internet che vengono concessi illimitatamente.

Ecco, per molti consumatori questa soluzione potrebbe pure essere conveniente, ma se siamo utenti che consumano poco sia la rete che il telefono fisso per chiamare, tutto quel servizio sarà inutile e ci ritroveremmo a pagare qualcosa che non ci serve. In questo caso, sarà meglio optare per una tariffa "a consumo".

Dopo aver stilato il nostro profilo, potremo passare al confronto delle tariffe esistenti nel mercato e per farlo sarà possibile consultare i portali online di confronto tariffe che offrono questo servizio gratuitamente.