Più Internet a banda larga nella Regione Sicilia, per collegamenti da rete fissa e mobile, e per fruire di servizi innovativi. Questo grazie ad un accordo che, sfociato nella stipula di un Contratto di Sviluppo, hanno siglato il Gruppo Telecom Italia, Italtel e Invitalia.

Complessivamente l'impegno finanziario ammonta a 61 milioni di euro, dei quali 41 milioni di euro saranno messi sul piatto dalla società di telecomunicazioni quotata in Borsa a Piazza Affari per estendere la fibra ottica e per sviluppare poi in una fase successiva anche la rete per le connessioni Internet di nuova generazione, quelle ultrabroadband.

Pari a 20 milioni di euro è invece l'investimento di Italtel in prevalenza, con 18 milioni di euro, per realizzare una piattaforma innovativa per l'accesso a servizi voce, video ed Internet. I restanti due milioni di euro serviranno invece per permettere la diversificazione della produzione di uno stabilimento in Provincia di Palermo, nel Comune di Carini.

Il Contratto di Sviluppo siglato tra le parti è caratterizzato, al fine della realizzazione delle infrastrutture, di un iter semplificato in linea con quelle che sono le attuali esigenze delle imprese, dei cittadini e delle istituzioni, per l'accesso ai servizi Internet di nuova generazione. Quello per la Regione Sicilia è il quarto Contratto di Sviluppo stipulato quest'anno dopo che i primi tre, tutti per la Regione Campania, hanno permesso l'attivazione di investimenti per oltre cento milioni di euro.