Il mondo dei tablet è in fermento. Sono questi giorni di grandi presentazioni all'interno di un mercato di enorme importanza come quello dei tablet. Siamo tutti coinvolti, visto che quasi ognuno di noi ne possiede uno.

Ieri Apple ha presentato da San Francisco due nuovi iPad, i Macbook, il Mac Pro, nuove app e il nuovo sistema operativo. Nokia invece dalla suggestiva location di Abu Dhabi ha lanciato i nuovi modelli comprese quelli vie di mezzo che si chiamano Phablet, una via di mezzo tra un telefono e un tablet.

A livello mondiale nei prossimi anni il tablet supereranno i pc e i notebook tradizionali per vendite.

La quota di mercato se la dividono in questo momento i tablet con sistema operativo Android e Apple.

Secondo gli analisti a fine anno Android supererà Apple 49,6% contro 48,6% di quota di mercato. Il tablet Windows sarà sotto il 2%.

Le stime per il 2013 parlano di 7 milioni e mezzo di tablet.

In attesa della definizione dell'acquisto di Nokia da parte di Microsoft, che andrà probabilmente a compimento nei primi mesi del 2014, per quanto riguarda la fetta di terminali mobili della casa svedese (compresi i nuovi Phablet), si aprono nuovi scenari sul mercato mondiale dei computer di indubbio interesse.

Mentre l'acquisto nel mondo di tablet sta salendo in ogni parte del globo, per incentivare gli acquisti la Apple ha deciso di mettere a disposizione di tutti coloro che compreranno un nuovo tablet di Apple i software di connettività iLife e iWork.

Il computer portatile come lo abbiamo conosciuto fino a pochi mesi per non morire deve mutare (vedi i nuovi apparecchi dotati del nuovo Windows 8.1) e deve farlo velocemente.

A fare le spese di questo fermento è stato il vecchio pc, le cui vendite sono in discesa libera.