Nella vita quasi sempre il troppo storpia. E lo stesso vale quando si fa uso dei nuovi dispositivi mobili, dall'iPhone all'iPad della Apple e passando per i tablet ed ogni altro tipo di smartphone. Trattasi di dispositivi mobili che hanno cambiato, spesso in meglio, la nostra vita nel lavoro come nel tempo libero.

Pur tuttavia, come tutti quelli che sono i fenomeni di massa, non bisogna esagerare specie se diamo in mano lo smartphone e/o il tablet ai nostri figli. In accordo con quanto reso noto dal presidente e fondatore dello "Sportello dei Diritti", Giovanni D'Agata, si registra infatti un crescente e preoccupante ricorso ai centri oculistici ed a quelli oftalmologici da parte di bambini e di ragazzi che, in particolare, lamentano emicranie e/o occhi infiammati.

Meglio quindi non esagerare stando ore ed ore ad utilizzare lo smartphone ed il tablet considerando anche il parere di esperti nel campo delle scienze oftalmologiche. Ci sono studiosi infatti che associano l'uso prolungato di smartphone e tablet a difficoltà di concentrazione, oppure a mettere a fuoco oggetti ravvicinati.

Questo sarebbe causato dal fissare per troppo tempo uno schermo come quello del tablet che è più piccolo rispetto ad un classico PC desktop. David Allamby, oftalmologo inglese, ritiene inoltre che chi ha oggi dieci anni ed esagera con l'uso di smartphone e tablet tra dieci anni avrà maggiori probabilità di diventare miope. In altre parole, ben venga l'uso dei dispositivi mobili, ma senza diventare dei tablet-dipendenti.