Liberalizzazione Wi-Fi - Novità che cambierà per forza di cose l'approccio che tutto il popolo italiano ha con Internet e con tutto ciò che ad esso si collega. Per tutti i fruitori dei servizi web, la liberazzazione del Wi-Fi è la novità più gradita all'interno del Decreto del Fare del Governo.

A beneficiare del Wi-fi libero saranno senz'altro gli esercizi pubblici, i primi secondo alcune statistiche che potranno sfruttare in termini economici la novità tecnologica. Ne è sicuro Massimiliano Mazzarella, amministratore delegato di Futur3, azienda tra quelle leader nell'ambito degli hot spot distribuiti lungo il territorio italiano. "Nella fase iniziale - rileva Mazzarella - il Wi-Fi sarà strumento indispensabile per la crescita degli esercizi commerciali: sarà un'opportunità in più e saranno senz'altro favoriti coloro che saranno pronti e veloci nel dotare le proprie strutte di questa tecnologia. Il cliente sceglierà i negozi che disporranno del Wi-Fi e tenderanno a penalizzare chi non lo offre. Capiterà insomma di evitare quel bar o quella spiaggia perché non vi trovo il servizio, disponibile invece in quello vicino".

Un servizio che sarà utile ai fruitori di Internet anche e soprattutto per effettuare dei check sulle promozioni degli stessi esercizi commerciali, con l'intento di verificare le offerte e le occasioni che il negozio di abbigliamento o la libreria propone: "Ti colleghi all'hot spot - continua Mazzarella - vedi il coupon, le promozioni di quel locale pubblico, fast food, supermercato o negozio di vestiti che sia. Chi beneficerà della nuova tecnologia? Saranno senz'altro i grandi colossi come Google o Apple, ma anche le start up sviluppatrici di apps ne trarranno vantaggio".

La sensazione è che nel lungo termine, tutti gli esercizi tenderanno a dotarsi di Wi-Fi libero: "I costi per offrire il servizio - concude Mazzarella - sono bassi e ora gli obblighi burocratici sono nulli, quindi ben presto tutti gli esercenti ce l'avranno. Diventerà una commodity, un po' come trovarci la toilette…".