L'amministrazione Obama ha difeso la sua raccolta di registrazioni telefoniche riguardo milioni di clienti di Verizon dopo che il quotidiano The Guardian ha riferito che la National Security Agency ha raccolto per mesi un fascicolo top secret a riguardo. L'amministrazione lo ha definito "strumento critico" contro il terrorismo e ha sottolineato che il governo non è in ascolto sulle chiamate di nessuno. Il Guardian ha riferito che Verizon Business Services deve fornire alla NSA "su base giornaliera" le informazioni sulle chiamate tra Usa ed estero, mentre le chiamate effettuate interamente all'interno degli Stati Uniti o quelle effettuate interamente all'estero non sono state colpite.

Glenn Greenwald, del Guardian, un frequente e feroce critico dell'espansione dello stato a livello di sicurezza nazionale dall'11/9 scrive nel suo rapporto bomba che il documento mostra per la prima volta che sotto l'amministrazione Obama i protocolli di comunicazione di milioni di cittadini americani vengono raccolti indiscriminatamente e in massa indipendentemente dal fatto che essi siano sospettati di alcun illecito. Sull'ordinanza emessa il 25 aprile e valida fino al 19 luglio a Verizon è richiesto di consegnare i numeri di entrambe le parti, i dati di posizione, la durata della chiamata e altre informazioni.

La Casa Bianca ha inizialmente rifiutato di commentare, ma un alto funzionario dell'amministrazione ha ora difeso le attività descritte nel pezzo del Guardian senza confermare l'articolo specifico. Tutto ciò è stato uno strumento fondamentale per proteggere la nazione da minacce terroristiche negli Stati Uniti in quanto consente al personale del controterrorismo di scoprire se i terroristi noti o sospetti sono stati in contatto con altre persone che possono essere impegnate in attività terroristiche, in particolare le persone situate all'interno degli Stati Uniti.

L'ordine del giudice Roger Vinson si basa sulla Sezione 215 del Patriot Act. quella parte della legge nota anche come la "fornitura record di affari", che permette agenti dell'FBI di cercare un ordine del tribunale per "le cose materiali (tra cui libri, registri, documenti, documenti e altri elementi)" che ritiene rilevanti per l'inchiesta .

Il senatore democratico Ron Wyden dell'Oregon, che siede nel Comitato Intelligence del Senato, ha più volte lanciato l'allarme circa il modo in cui il governo interpreta tale disposizione; Wyden e il senatore democratico Mark Udall del Colorado, un altro membro del comitato, hanno scritto una lettera sferzante al procuratore generale Eric Holder nel settembre 2011 avvertendolo che gli americani sarebbero stati "storditi" se avessero capito ciò che il governo stava facendo.

L'American Civil Liberties Union ha denunciato il campo di applicazione della sorveglianza. "E' analoga allo stazionamento di un agente FBI all' esterno di ogni casa del paese per tenere traccia di chi entra e chi esce", ha detto Jameel Jaffer, vice direttore legale dell'ACLU.