Con l'avvento dei tabet e smartphone si è registrato un boom delle app che consentono di inviare messaggi istantanei chi non ha usato Whatsapp, o Skype tanto per fare due nomi tra i più conosciuti. Ma adesso la sfida si fa interessante, perché adesso anche un'altra famosa app di messaggistica sta per fare il suo debutto su pc.

Infatti l'obiettivo della start-up creatrice di Viber è quello di riuscire a strappare il primato al colosso delle videochiamate VoIP in Italia cioè Skype. C'è da dire che attualmente Viber è una delle applicazione più utilizzate nel panorama della messaggistica mobile: insieme a Skype, WhatsApp e Facebook ha il primato nel mondo delle videochiamate e dei messaggi gratuiti.

La novità è che Viber farà il suo debutta anche sul desktop del Pc e del Mac, facendo cosi diretta concorrenza a Skype che almeno finora è stato il leader incontrastato in questo settore.

Del resto per questo tipo di applicazioni è molto importante, e i competitor cercano di cavalcare l'onda del successo e cercare di offrire sempre nuovi servizi a propri utenti, proprio in virtù del fatto che la concorrenza in questo campo è davvero spietata. Un esempio in tal senso lo ha dato anche il più famoso social network del pianeta, Facebook che proprio di recente ha provveduto ad aggiornare la sua applicazione di messaggistica privata, e Apple che ha deciso di estendere, iMessage che dall'iPhone è approdato anche sul Mac.

E cosi anche Viber ha deciso di seguire questo esempio provvedendo ad ampliare la propria offerta approdando sul Pc e sul Mac e integrando i contatti dell'utente che sono già presenti all'interno del device.

Lo scopo di questa operazione è quello di far utilizzare Viber in modo più semplice e veloce possibile, e soprattutto utilizzarlo anche da un pc.

Certo, molto spesso si preferisce utilizzare lo smartphone per comodità, ma comunque resta il fatto che spesso si passa molto tempo al pc per via del lavoro .

Quindi perché non approfittare di questa circostanza? I creatori di Viber ci hanno visto giusto sfruttando il fatto che adesso gli utenti potranno inviare messaggi direttamente dalla propria scrivania, ha detto il Ceo di Viber, Talmon Marco.Viber attualmente viene usata da oltre 200 milioni di utenti su dispositivi iOs, Android, Windows Phone e Blackberry. L'applicazione disponibile per il computer avrà come identificativo di accesso il numero di cellulare al quale verrà associata l'app con la relativa password e i contatti presenti all'interno del dispositivo mobile saranno sincronizzati dall'app sul Pc in modo automatico.

Per coloro che invece ancora hanno utilizzano Viber sul proprio cellulare possono registrarsi inserendo il proprio numero di telefono e un codice di conferma che viene inviato dall'app. sul numero che si è dato al momento dell'iscrizione.Oltre ai contatti, Viber per Pc sincronizzerà anche tutte le conversazioni aperte tramite dispositivo mobile che possono anche essere riprese tramite il Pc. Insomma Viber ha tutta l'intenzione di mettere i bastoni tra le ruote a Skype, che almeno per il momento è ancora il leader incontrastato del settore.

C'è da capire che cosa offre di nuovo Viber rispetto a Skype. Sembra che la nuova app di Viber per Pc consenta di gestire in modo più intelligente i diversi dispositivi sui quali si utilizza l'applicazione. Se si utilizza Skype invece la gestione delle chiamate e dei messaggi su dispositivi diversi come il Pc e lo smartphone spesso risulta confusa: se ad esempio si lasciano i dispositivi accesi i messaggi arrivano su tutti e due, e anche se i messaggi sul cellulare vengono eliminati a volte è possibile trovarli sul Pc. Stando alle le prime indiscrezioni con Viber non dovrebbero verificarsi questi inconvenienti.

Probabilmente il vero asso vincente del nuovo Viber è la possibilità di trasferire una chiamata in corso dal Pc a un dispositivo mobile con connessione Wi-Fi, senza interrompere la conversazione. Oltre alla nuova versione per Pc, Viber ha lanciato anche un aggiornamento per il Viber mobile, la versione 3.0 a cui sono stati apportate alcune modifiche come ad esempio un algoritmo che migliora la riproduzione vocale. Adesso saranno gli utenti a dover decidere quale app preferiscono.