L'alta tecnologia nel settore dei computer e della telefonia è uno dei pochi settori che pare non conoscere crisi. L'ultimo "gioiello" nato è lo SmartWatch, che comprende le funzioni di orologio, computer e telefono, il tutto da portare al polso. Una rivoluzione resa possibile dalla connessione Bluetooth ad alta efficienza energetica.

E' un business stimato in un milione di pezzi venduti nel 2013, per un fatturato di oltre 5 miliardi di dollari. Il primo tra i grandi produttori ad essere arrivato alla commercializzazione è Sony, con il Sony SmartWatch, venduto al prezzo di 99 euro. Fondamentali nel successo del prodotto la connettività e il sistema utilizzato, che hanno raggiunto ottimi livelli di funzionalità, competitivo anche il rapporto qualità/prezzo.

Altri colossi del settore si apprestano a fare altrettanto, puntando sulla diversificazione in termini di prestazioni, prezzo e design. Gli italiani sono già presenti sul mercato con I'm Watch, in commercio a un prezzo che parte da 299 euro. Lo produce una società veneta, che ha in catalogo anche modelli prestigiosi, montati in oro, al pari dei Cartier, dei Vacheron Constantin, dei Patek Philippe che costano fino a 15 mila euro. Grandi aspettative su Apple, da cui si aspetta un prodotto veramente rivoluzionario.

Anche Microsoft entrerà certamente in gara, anche se finora non trapelano indiscrezioni. Prevista la produzione di computer da polso per sportivi, in grado di sopportare sollecitazioni estreme. Si attende infatti l'uscita di TomTom Runner Multisport, già presentato in anteprima. Esagerazioni? Probabilmente si, ma pur sempre esercizi di altissima tecnologia. Un mercato relativamente giovane in grande espansione, rivolto a persone giovani o che si sentono tali. L'uomo elegante, con un po' di snobismo, continuerà a preferire il vecchio orologio d'oro ultrapiatto, con il cinturino in pelle di lucertola, divenuto un oggetto di antiquariato. La miniaturizzazione non si ferma, forse arriveremo al computer da portare al dito, come un anello.