Samsung Galaxy Note 3 stupisce ancora gli appassionati del settore. L'azienda farà da apripista ad una nuova tecnologia di gruppo grazie ad un nuovo tipo di schermo che monterà sul nuovo phablet, funzionale via di mezzo tra smartphone e tablet. La novità consiste in un display di 5,9 pollici di larghezza in OLED Plastic che rende il dispositivo ancora più leggero: il pannello avrà uno spessore di 0.5 millimetri e peserà 50 grammi circa.

Il Samsung Galaxy Note 3 punta sulla tecnologia OLED ovvero Organic Light Emitting Diode: un diodo organico per l'emissione di luce che a differenza dei display con cristalli liquidi, non necessita di altri componenti aggiuntivi per produrre l'illuminazione ed essere funzionale.

Il Samsung Galaxy Note 3, quindi, grazie a questa nuova tecnologia lo schermo sarà molto più resistente, tanto da poter essere arrotolato, piegato, con un minore dispendio energetico. Inoltre, lo schermo in plastica, favorisce un minore spessore che concede alla batteria uno spazio maggiore e quindi il tempo di utilizzo del dispositivo risulterà più duraturo.

Il Galaxy Note 3, secondo indiscrezioni trapelate sul web, una risoluzione full HD e pari, probabilmente, a 5,99 pollici.

Innegabili sono, quindi, le migliorie tra il Galaxy Note 2 e la nuova versione del dispositivo della casa Samsung. Ci auguriamo che l'azienda sia in grado di sviluppare al meglio questa nuova tecnologia e che il mercato sia pronto. Per chi fosse particolarmente incuriosito, il nuovo phablet sarà prodotto totalmente dalla Samsung e sarà probabilmente presentato per la fine dell'estate durante l'IFA 2013 che si svolgerà dal 6 al 13 Settembre a Berlino.