La rapidità della vostra connessione Internet da postazione fissa vi pare minore a quella proclamata dall'operatore con cui avete concluso un contratto, volete controllare se la velocità è quella realmente dichiarata dall'operatore, ma non sapete come agire?

Attuato a novembre dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) il sistema Misura Internet autorizza gli utenti ad accertare la qualità effettiva dell'accesso ad internet in banda larga; ciò è fattibile con uno studio tramite un software i cui esiti hanno importanza legale accettata da tutti gli operatori di comunicazioni elettroniche e che è facile scaricare gratuitamente dal sito www.misurainternet.it.

Iniziata con delibera 244/08/csp di AGCOM, la proposta è la prima e la sola in Europa in cui le rivelazioni hanno la facoltà di essere adoperate come principio probatorio se mai l'utente desiderasse praticare il beneficio di recesso riguardo a obblighi contrattuali non sostenuti dall'operatore.

Il software Ne.Me.Sys. permette di riuscire ad avere un certificato che confermi la condizione della connessione; se l'utente dovesse riscontrare valori peggiori rispetto a quanto assicurato dall'operatore, confermerebbe l'inosservanza contrattuale e ciò può servire come meccanismo di difesa da unire alla protesta, avendo così diritto alla riattivazione degli standard minimi e dove non si procede con il ripristino dei livelli di qualità contrattuali la recessione è senza costi.