La connessione a Internet continua influenzare vasti settori tecnologici e non solo: dal 2014, infatti, ogni nuova automobile potrà essere connessa alla rete internet, attraverso l'uso della piattaforma embedded o tethered. Le auto diventeranno così il terzo dispositivo più connesso, dopo ovviamente i cellulari e i tablet.

Già gli smartphone permettono di localizzare di veicoli oppure i parcheggi, così come di trovare i distributori di benzina più vicini oppure i ristoranti aperti e altri diversi servizi. Tutto ciò sarà possibile anche con le auto e si potrà accedere alle informazioni in tempo reale, visualizzando mentre si è in movimento costi e orari, premendo solo un bottone.

Potranno essere segnalati anche i veicoli nelle vicinanze e avere immagini dall'alto della zone per trovare facilmente parcheggio, così come si potrà usufruire di alcuni sconti in locali o ristoranti che si trovano nel giro di pochi chilometri dal veicolo. Ciò che sicuramente sarà reso decisamente sensibile è il software di riconoscimento vocale, il quale permetterà di guidare senza distrarsi, utilizzando tutti i servizi tramite comando vocale.

Tutto ciò verrà realizzato per una questione di comodità, ma soprattutto di sicurezza. Infatti i telefoni cellulari sono la maggiore causa di distrazione degli automobilisti e ciò provoca molti incidenti. Nell'Unione Europea, si prevede la creazione di eCall, un dispositivo che permetterà di chiedere aiuto qualora si facesse un incidente.

Il futuro delle automobili, quindi, potrà non dipendere più principalmente da aziende come la Ford, la Toyota o la Wolksvagen, ma da Google, Apple o Facebook ad esempio. Sono già iniziati esperimenti di collaborazione tra Android e Bmw e la Apple sta già lavorando nel settore.