Negli Stati Uniti sembra che sia particolarmente usato dai "cacciatori di teste" nella ricerca di candidati. In Italia, forse, la novità deve ancora entrare a pieno regime, ma al suo primo compleanno Linkedin Italia ha già raggiunto il traguardo dei 4 milioni di utenti e quello dei 3488 gruppi.

L'efficacia effettiva nel trovare lavoro è ancora tutta da dimostrare e forse sarà possibile farlo solo più in là nel tempo. D'altronde quasi tutte le "invenzioni" di internet hanno preso strade diverse da quelle che si erano prefissate all'inizio e al momento il punto forte di questo social network sembrerebbe stare nelle referenze dirette, le uniche in grado di dimostrare la veridicità di un curriculum. Proprio questo strumento sarebbe il più usato dagli addetti HR delle aziende americane, con un leggero vantaggio per chi ha già un'esperienza lavorativa avanzata rispetto a chi è agli inizi.

Le prime tre aziende su Linkedin Italia, ovvero quelle con il maggior numero di impiegati collegati al network sono l'azienda globale di consulenza e outsourcing Accenture, il principale operatore di telecomunicazioni Telecom e il colosso bancario Unicredit. Per quanto riguarda gli atenei con più utenti, anche qui non sembrano esserci sorprese: La Sapienza di Roma, il Politecnico di Milano e l'Università degli Studi di Milano.

Forse inaspettato invece il terzo posto di Bologna nelle città con più membri: Roma e Milano dominano anche qui. I settori aziendali più attivi in Italia su Linkedin sono invece quello farmaceutico, l'ingegneria e quello dell'informatica e dei servizi.