Il motore di ricerca di Google si fa sempre più "intelligente", grazie all'introduzione di Knowledge Graph. Di cosa si tratta? Di una nuova funzionalità tecnologica che dagli scorsi giorni BigG sta implementando anche in Italia per fornire agli utenti risultati di ricerca più accurati e precisi. "Knowledge Graph - spiega un post del blog ufficiale dell'azienda - porta il motore di ricerca di Google a comprendere le reali dinamiche tra cose e persone nella vita di tutti i giorni".

Spesso una stessa parola ha più di un significato e per decenni la ricerca si è limitata a creare delle corrispondenze tra interrogazioni e parole chiave, senza andare oltre. Knowledge Graph consente invece di cercare cose, persone o posti in modo nuovo, ottenendo risultati che rispecchiano la reale entità del termine cercato e che tengono presente tutte le possibili corrispondenze. In questo modo, ad esempio, Google elabora il fatto che "Parma" è una città, ma anche una squadra di calcio, un'università e molto altro e tiene presente questi diversi aspetti nel momento in cui fornisce i risultati di ricerca.

Ma come fa Google a sapere quali elementi sono rilevanti per ogni interrogazione? Per questo si affida anche alle persone, studiando in modo aggregato e quindi anonimo che cosa ricercano su Google in relazione a ciascun tema. Quindi, cosa cambierà?

Sintesi migliori: Grazie a Knowledge Graph sarà possibile comprendere meglio il significato di ciascuna interrogazione e rintracciare in modo puntuale diversi contenuti rilevanti che si legano a quel dato argomento. Ad esempio, se cerchiamo informazioni su Caterina de' Medici, potremo vedere la sua data di nascita e quella di morte, ma anche ottenere dettagli sulla sua vita e sulle persone che ne hanno fatto parte.

Maggiore approfondimento dei temi: Knowledge Graph può consentire alle persone di fare scoperte inaspettate, mettendo in evidenza tutta una serie di informazioni che potrebbero spingere la ricerca verso temi diversi da quelli da cui si era partiti. Così, cercando informazioni su "Brunelleschi", potremmo facilmente approfondire anche i nomi e il lavoro degli altri grandi rappresentanti del Rinascimento fiorentino, come ad esempio Donatello.