L'Italia un paese per giovani? Sembra proprio di no, specialmente in questi tempi di crisi. E Microsoft risponde con un progetto di formazione sperimentale. Secondo gli ultimi dati Istat, il 9,8% dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni è in cerca di lavoro, con un tasso di disoccupazione pari al 34,5%. Non solo. Crescono anche da noi i cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training), giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti a scuola né all'università, che non lavorano e che nemmeno seguono corsi di formazione o aggiornamento professionale: sono oltre due milioni, il 23% per cento della popolazione nazionale di riferimento.

Numeri che spaventano, ma di fronte ai quali la formazione diviene una strada obbligata per uscire dalle statistiche a segno meno. Il progetto Meet No Neet proposto da Microsoft parte da questo presupposto per offrire - nella sua prima sperimentazione, riproducibile su tutto il territorio nazionale - un percorso di formazione che unisce tecnologia, innovazione sociale e competenze professionali a 1000 giovani dai 18 ai 24 anni residenti in Campania e Lazio. Le parole chiave sono inclusione e interazione: attraverso la partnership tra Fondazione Mondo Digitale, Microsoft e le scuole del territorio, il progetto vuole costruire alleanze tra mondo aziendale, formazione e terzo settore.

Innovazione sociale

La formazione è stata pensata in modo flessibile, per consentire ai partecipanti di fruirne ovunque: a scuola, a casa, da soli e in gruppo, grazie all'ausilio delle nuove tecnologie e dei social network. Video lezioni e video tutorial con esperti di Microsoft sui software di ultima generazione, formazione in aula e laboratori sul territorio che forniranno ai giovani gli strumenti per l'elaborazione di progetti di innovazione sociale, ovvero progetti che cercano di dare soluzione a bisogni sociali non ancora soddisfatti. In altre parole, i partecipanti - singolarmente o in gruppo - dovranno individuare un problema presente nel proprio contesto di vita quotidiana - scuola, quartiere, città - e proporre una soluzione definendo anche le possibili sinergie sul territorio (enti, associazioni, aziende) per contribuire insieme alla risoluzione del problema.

Un progetto esperienziale

Le video lezioni sono anche mini fiction in cui ragazzi divenuti attori per un giorno mostrano ai loro coetanei come individuare un problema del proprio territorio, farsene carico e cercare le soluzioni per risolverlo. Meet no Neet ha scelto così di far uscire la formazione dalle pagine dei libri per accompagnare i giovani partecipanti sul terreno dell'esperienza.

Tra tutti quelli realizzati, saranno selezionati i 20 migliori progetti, presentati nel corso di un evento finale e i vincitori del concorso riceveranno il "Passaporto delle Competenze del XXI secolo", riconoscimento ufficiale Microsoft - Fondazione Mondo Digitale.