Vodafone ha annunciato il lancio di EasyWay, una applicazione gratuita per smartphone che permette di segnalare in tempo reale il grado di accessibilità dei luoghi pubblici come negozi, musei, ristoranti, alberghi e uffici. L'app è dedicata sia a persone con difficoltà motorie che ai genitori che si muovono in città con il passeggino.

EasyWay è un'applicazione user generated content, che tutti possono contribuire ad arricchire segnalando, ovunque si trovino, il grado di accessibilità del luogo che stanno visitando. I dati, inseriti nella banca dati di EasyWay, resteranno a disposizione di tutti coloro che consulteranno l'app prima di recarsi in un luogo pubblico, per avere informazioni sull'accessibilità dello stesso, come ad esempio la presenza o meno di parcheggi dedicati, di servizi igienici per disabili, se è possibile utilizzare l'ascensore con una sedia a rotelle, eccetera.

Secondo lo studio ISTAT "La Disabilità in Italia" del 2009, in Italia sono 2 milioni e 600 mila le persone con disabilità, senza considerare che oltre il 20% della popolazione ha oltre 65 anni ed è perciò naturalmente esposta a difficoltà motorie dovute all'età. Per questo uno strumento in grado di segnalare l'esistenza e il grado di barriere architettoniche negli edifici di accesso pubblico è essenziale sia per migliorare la qualità della vita delle persone che per aiutare la pubblica amministrazione e i privati ad alleggerire i disagi che alcuni cittadini rilevano quotidianamente.

L'applicazione è stata realizzata con il contributo di FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, che ha avviato tramite il suo network i primi upload sui livelli di accessibilità. Tra i partner dell'iniziativa anche Nokia Location and Commerce che ha fornito i punti di interesse e il grado di accessibilità dei luoghi pubblici per contribuire a migliorare la vita degli italiani.

"Una risposta semplice ed innovativa ad un noto problema che caratterizza le nostre città - commenta l'Onorevole Daniela Sbrollini, componente della XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati e della Commissione Bicamerale per l'Infanzia e l'Adolescenza - un passo in avanti nella direzione di favorire l'indipendenza, l'autonomia e l'inclusione sociale di tutte le persone con difficoltà motorie. Ecco come la tecnologia innovativa può essere al servizio di problemi antichi".