Tra i vari tipi di connessione internet, quella wireless è sicuramente la più diffusa. Comprenderne le ragioni è piuttosto facile: il wi-fi è più comodo e permette di connettersi da più luoghi e da più pc, rinunciando a cavi e prese. La velocità di connessione è pari a quella della rete fissa e non crea problemi a livello di sicurezza a patto di configurare al meglio le impostazioni di privacy, evitando che estranei e virus possano danneggiare il pc e soprattutto avere accesso a dati privati.

Vietare l'accesso agli utenti che non contribuiscono alle spese della rete non basta a proteggere la propria connessione domestica da hacker e malintenzionati che possono sfruttare l'ingenuità e la scarsa esperienza degli utenti per accedere ai dati dell'home banking o della propria carta di credito. Vediamo, dunque, quali sono le regole da seguire per garantire massima sicurezza alla nostra rete wireless.

La più semplice è chiaramente l'impostazione di una password di accesso. L'operazione è piuttosto intuitiva anche per gli utenti meno esperti e può essere effettuata direttamente dal sito della compagnia che fornisce il servizio oppure nel corso dell'installazione. Non solo, la stessa combinazione di numeri e lettere può essere utilizzata anche per il router e i dispositivi di connessione.

Per limitare al massimo gli accessi alla nostra rete domestica, è possibile inoltre filtrare i Mac Adress, ossia gli indirizzi univoci dei nostri dispositivi in rete. In questo modo i dispositivi autorizzati verranno immediatamente riconosciuti dalla rete. Chi, invece, è un po' più esperto può impostare manualmente gli indirizzi IP. Tuttavia anche chi non se ne intende può farsi aiutare da un esperto di informatica o chiedere consiglio alla compagnia di fornitura, evitando di incorrere in spiacevoli inconvenienti.

Ovviamente esistono sistemi di sicurezza ancora più specializzati, che richiedono però maggiori competenze. Per una connessione domestica è sufficiente seguire queste semplici indicazioni, al fine di proteggere la propria rete da hacker e malintenzionati.