Nelle scorse ore, società di grosso calibro sono state impegnate con alcuni problemi relativi al cosiddetto "secondo intercalare" ("leap second"), un secondo aggiunto dagli studiosi all'orologio della Terra, alla mezzanotte di sabato 30 giugno 2012 (ora di Greenwich), con l'obiettivo di sincronizzare il conteggio del tempo con il rallentamento che caratterizza periodicamente il moto del pianeta: una condizione che svariati programmatori non hanno tenuto in considerazione nelle proprie scelte progettuali, con conseguenti malfunzionamenti fino ad arrivare al blocco totale della rete (che anche nel nostro Paese è sempre più diffusa grazie a internet adsl) per alcune ore.

No, non stiamo parlando del bug Y2k ma aziende come Gawker, Mozilla, Reddit, FourSquare, LinkedIn, Yelp e StumpleUpon e molti altri nomi di primo piano del Web odierno hanno dovuto affrontare problematiche connesse ad applicazioni e componenti software differenti, ma tutte in qualche modo riconducibili allo stesso problema: il Network Time Protocol, standard internazionale e utilizzato in infiniti contesti che sembra non sia stato programmato per gestire il secondo aggiuntivo voluto dagli esperti del settore, provocando malfunzionamenti a macchia d'olio.

Alcune società hanno risolto il problema in modo temporaneo mentre altre compagnie come Google sono riuscite ad implementare preventivamente nei propri algoritmi la soluzione andando ad inserire pochi millisecondi alla volta. Integrato questo sistema, dunque, i server della società di Mountain View sono risultati essere già corretti per il "nuovo orario", rimanendo completamente immuni dal problema, a differenza invece di altri protagonisti di Internet che sembra non abbiano ancora risolto del tutto questa dimenticanza.