La Samsung, azienda sud coreana che opera anche nel settore della telefonia mobile, sta vedendo crescere, anno dopo anno, il suo fatturato. Qualche settimana fa, il colosso asiatico si è già tolto la grande soddisfazione di superare i finlandesi di Nokia e aggiudicarsi il primo gradino del podio come più grande produttore e venditore di cellulari. Inoltre, i coreani incalzano anche la californiana Apple, per quanto riguarda il mercato dei soli smartphone. I motivi di questo enorme successo sono molteplici e non sempre facilmente identificabili. Una causa su tutte, però, che sembra stare alla base della recente gloria di Samsung, sembra evidente: la partnership con il sistema operativo mobile Android (di proprietà della statunitense Google). Questa collaborazione sta riuscendo nell'intento di dare battaglia al sistema iOS, tanto caro al compianto Steve Jobs.

J.K. Shin, presidente di Samsung Mobile ha dichiarato che nelle previsioni del gruppo si pensa a vendite che superino i 200 milioni di smartphone entro la fine del 2012. In questo modo l'azienda conquisterebbe circa il 24%, della quota di mercato globale per gli smartphone e un incremento di oltre il 21% rispetto al 2011. A Cupertino, quindi, gli uomini Apple, si preparano alla sfida tecnologica più importante da inizio millennio.

Alla luce dei circa 44 milioni di smartphone venduti da Samsung nel primo trimestre 2012, quindi, non resta che aspettare l'impatto che avrà sul mercato la recente usicta del Galaxy S3, che potrebbe già far capire agli analisti e ai consumatori di tutto il mondo se l'azienda sia in procinto di imboccare realmente la strada indicata da J.K. Shin.