Offrire a bambini e ragazzi che quotidianamente utilizzano una connessione internet adsl una navigazione sicura costituisce una delle sfide più importanti che il web si trova di fronte. La percentuale di ragazzi a livello europeo che sul web è andato incontro a situazioni rischiose come pornografia, sexting e bullismo, è piuttosto alta e ha raggiunto il 43%. Questi fenomeni non sono assenti nemmeno nel nostro Paese dove i ragazzi che si sono trovati in situazioni "a rischio" si attestano sul 34%. Per cercare di venire incontro a genitori e ragazzi che chiedono maggiore sicurezza per la loro navigazione in internet, Fastweb e Ecpat Italia Onlus (che dal 1990 combatte tutte le forme di mercificazione del sesso con bambini) hanno deciso di lanciare insieme una campagna dal titolo "Navigare in rete senza pericoli".

Il progetto ha l'obiettivo di dare delle informazioni a giovani e adulti affinché navighino con maggiore sicurezza in rete, evitando i rischi più comuni legati al "cyber bullismo" e alla pedopornografia. L'uso superficiale che spesso si fa dei nuovi media e dei social network e una scarsa attenzione alle dinamiche che li sorreggono, infatti, possono portare molti ragazzi a cadere nelle trappole dei malintenzionati che utilizzano il web a scopi poco ortodossi. Per aiutare genitori e giovani a evitare questi spiacevoli episodi, da qualche giorno a questa parte i clienti Fastweb, insieme alla fattura, riceveranno in allegato anche dei consigli utili e delle informazioni.

Questi suggerimenti, inoltre, saranno disponibili anche sul sito di Ecpat. Il consiglio per tutti, in generale quando si naviga su internet, è di essere il più attenti e selettivi possibili nella selezione delle amicizie on line, soprattutto quando si parla di social network e di chat.