Quando si tratta Internet, si sa, l'Italia non è mai ai primi posti delle classifiche internazionali. L'ultima conferma è arrivata con i dati Eurostat che mostrano che nel nostro Paese, nel primo trimestre 2010, la percentuale delle famiglie italiane collegate a Internet tramite banda larga erano il 49% del totale, contro una media europea del 61%. L'Italia si è così confermata fanalino di coda d'Europa, allo stesso livello della Slovacchia e al di sopra soltanto di Paesi come Grecia (41%), Bulgaria (26%) e Romania (23%). Ai primi posti della classifica figura la Danimarca (80%) seguita dalla Germania (75%).

La buona notizia per gli internauti è che da lunedì arriverà la banda ultralarga: a Bologna centodiecimila fra abitazioni e microimprese che utilizzano la fibra ottica di Fastweb potranno accedere a Internet alla velocità di 100 Mbps grazie all'opzione Fibra 100. Il progetto mira a promuovere l'adozione di questa tecnologia e l'alfabetizzazione digitale e prevede, per i nuovi clienti Fastweb, l'offerta della connessione ad alta velocità in promozione gratuita per due anni, al prezzo di un normale abbonamento Internet più un costo di attivazione una tantum.

Per gli appassionati della rete che per il momento non hanno accesso alla banda ultralarga, è possibile selezionare le offerte di internet più vantaggiose attraverso Supermoney, il portale per il confronto delle tariffe di telefono e internet, e scegliere quella più adatta alle proprie esigenze al prezzo più vantaggioso.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento'.