L'Agcom (Autorità garante per le Comunicazioni) ha trovato il modo di bloccare e regolare gli indennizzi imposti dagli operatori di telefonia per i disservizi telefonici lamentati dagli utenti.
Nel prendere questo provvedimento l'Agcom ha avviato una consultazione pubblica, allo scopo di stabilire una nuova norma sugli indennizzi correlati ai disservizi telefonici. La nuova delibera potrà essere già in atto in pochi mesi. La prima decisione stabilita nella bozza normativa è la seguente: tutti gli utenti che lamenteranno un disservizio relativo alla telefonia, riceveranno il dovuto direttamente in bolletta, attraverso procedure del tutto automatiche. Il nuovo sistema di indennizzi pensato dall'Agcom inoltre, prevede che ogni operatore di telefonia sia obbligato a risarcire economicamente i disservizi causati agli utenti, pur non essendoci stata un'esplicita richiesta da parte di questi ultimi. La norma ha ideato un piano sanzionatorio che è molto più preciso rispetto a quello stabilito dall'attuale Carta dei Servizi degli operatori che prevede indennizzi discrezionali.
L'Agcom vuole infatti attuare le seguenti sanzioni: 7,5 euro al giorno in caso di mancata o ritardata attivazione del servizio; 10 euro al giorno per la sospensione o l'interruzione del servizio se ingiustificata; 5 euro al giorno per i ritardi nella portabilità del numero; 1 euro al giorno per l'attivazione di servizi non richiesti; 100 euro l'anno per la cancellazione del numero; 200 euro per gli errori sugli elenchi; 2 euro al giorno per la mancata risposta ai reclami. I prodotti aziendali, naturalmente, dovrebbero produrre sanzioni ancora più rilevanti. Le associazioni dei consumatori hanno ben accolto l'iniziativa Agcom, e non solo loro, tutti gli utenti da questo momento sperano di essere ricompensarti in giusta misura per i disservizi telefonici subiti.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.