L'iniziativa è partita qualche mese fa da Wired Italia, la rivista specializzata nell'innovazione e nell'hight tech, che ha lanciato il progetto Internet for Peace candidando il web al Premio Nobel per la Pace 2010. Tantissimi gli ambasciatori e i sostenitori coinvolti, come l'iraniana Premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi, il professor Umberto Veronesi, lo stilista Giorgio Armani, insieme alle redazioni di Wired di Stati Uniti e Regno Unito. Navigare su internet ormai fa parte della nostra quotidianità, cresce costantemnete il numero di utenti e probabilmente la rete è una delle più grandi armi di costruzione di massa, e nel tempo ha provato a far crescere la pace ovunque. Internet è lo strumento democratico per eccellenza, motore di creatività e libertà di pensiero e di opinione. Le potenzialità di connessione interpersonale che crea sono moltissime, così come le possibilità di scambio e dialogo tra culture diverse. L'idea del Nobel per la pace ad internet è certamente affascinante ed è un'occasione per dare forza alla libertà di espressione e alla rivendicazione democratica e civile. Che ne pensi?

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.