Grandi innovazioni con l'introduzione dell'iPad: nuovi modelli di business e nuove funzionalità nell'ecosistema Apple, dagli e-book, ai tablet Pc, al gaming portatile e, notizia di notevole impatto per gli operatori, l'apertura verso i software di comunicazione VoiP.
Spazio ampliato per il confronto tra tariffe VoIP, infatti dopo il rifiuto per l'iPod, giustificato dalla convinzione che il VoIP andasse a sovraccaricare la rete 3G rendendola instabile, grazie all'avvento dell'iPad la comunicazione tramite applicativi VoIP sarà utilizzabile non solo con connettività WiFi. La modifica dell'interfaccia e del sistema operativo, in linea con il decreto ingiuntivo della FCC che stabilisce l'uguaglianza di ogni bit di dati in transito sulla rete, apre la rete 3G al software VoIP: si moltiplicano le necessità di confronto tra tariffe VoIP per comunicare a prezzi vantaggiosi, anche tramite iPad. Operatori in massima attività per studiare tariffe VoIP sempre più competitive che si stabilizzino con le esigenze di comunicazione sempre aggiornate e che riescano a ottimizzare al meglio le caratteristiche dell'iPad, sempre più vendibile e multifunzionale, anche grazie al VoIP. iCall e Fring si rivelano già interessanti tra gli sviluppatori di soluzioni VoIP compatibili con l'iPad, la scelta della tariffa, però, è sempre compito dell'utilizzatore, che deve operare un confronto strategico, basato su necessità comunicative ed esigenze di consumo che siano in grado di garantire un ottimale rapporto qualità-prezzo, anche utilizzando il VoIP sul nuovissimo e super tecnologico iPad.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.